Trova il tuo Psicologo
       Psicoterapeuta B4U

B4U > Magazine > Ansia e Depressione > Stress > Umore depresso o dispersione di energie?

Stress

Umore depresso o dispersione di energie?

stanchezza Isabella Belgium
Psicologo
Aree di Competenza: Ansia e Depressione, Ben-essere, Genitori e Figli
Cell.: 347/6790034

Molto spesso, essendo immersi in ritmi quotidiani veloci e frenetici, può capitare di sentirsi stanchi, ma non di una stanchezza relativa ad una giornata, bensì di una fatica che si protrae nei giorni mettendoci in uno stato di accumulo da cui non si riesce ad uscire. Quando inizia un processo di questo tipo di solito il corpo inizia a mandare tutta una serie di segnali che non sempre riusciamo a cogliere o su cui possiamo soffermarci, pena la “perdita del tempo”.
Eppure uno degli elementi da prendere in considerazione in queste situazione è proprio il tempo; come è utilizzato e distribuito e quanto è percepito e vissuto come un nemico o come un grande alleato.
Quella di cui parliamo è un’alterazione dell’umore, che spesso sfugge alle indagini psicologiche per quanto invece una delle forme più diffuse con un variazione della quantità di energia a disposizione. In base alla soglia individuale infatti il livello energetico si abbassa a volte in modo lieve e altre marcato, provocando un cambiamento umorale che ha sintomi molto simili a quelli depressivi:
• apatia
• pessimismo
• debolezza
• svogliatezza
• demotivazione
In realtà spesso non si può assolutamente parlare di depressione eppure queste sensazioni influenzano almeno in parte le attività quotidiane, come se non ci si sentisse in grado di affrontare le normali difficoltà della vita. La prima cosa da fare allora è fermarsi e chiedersi “Come sto utilizzando le mie energie?” “Trovo il modo di ricaricarle davvero?
La necessità di ricaricare le energie che utilizziamo è psico-fisiologica così come quella di spenderle nel fare delle azioni, in un equilibrio costituito da un continuo e graduale spostamento dal polo dell’attivazione a quello dell’ allentamento.
Questo significa che per riuscire a ricaricare le energie che utilizziamo così da poterle reintegrare sempre nel modo giusto, abbiamo bisogno di allontanarci dallo stato di attivazione riequilibrando il bilancio energetico.

Cosa ci consente di fare questo?
Almeno tre azioni:
1. mangiare
2. riposare
3. vivere il piacere

Nel quotidiano ci  avviciniamo a queste azioni “vitali” dopo uno stato di stanchezza e un dispendio di energia a volte eccessivi; proprio grazie ad esse riusciamo a ricaricarci. Quando non viviamo pienamente il mangiare, riposare e vivere il piacere vuol dire che non stiamo gestendo bene nemmeno lo stato di fatica e di attivazione. L’illusione in questi casi è che una maggiore efficacia si raggiunga solo nella continua “produzione” mentale e fisica. Spesso in realtà questo serve solo a soddisfare l’idea sociale di essere sempre bravi ed efficienti.

L’idea di dover sempre funzionare è un atteggiamento che crea crisi perché comporta una censura rispetto ad ogni tentativo di orientare le proprie azioni verso il piacere.

Un’intera giornata o settimana piena solo di azioni in cui “funzioni”, svolgi tutti i doveri ma non fai niente per te, non può che lasciarti sfinito e sfiduciato. Non a caso ogni volta che siamo chiusi solo in azioni di “dovere” e siamo impegnati ad aderire ad un modello o a ricevere un apprezzamento, le prime cose che non riusciamo a vivere più bene sono proprio le uniche che possono ricaricarci e allora:

  •  si inizia a mangiare male o a saltare i pasti
  • si perde molto sonno e in generale si riposa male
  • le cose che ci danno piacere sono completamente accantonate.

Ritrovare il piacere è il primo passo da compiere in queste situazioni in quanto responsabile di un cambiamento a livello neuro-chimico; fare ciò che ci piace davvero infatti attiva nel cervello ormoni e mediatori chimici che aumentano l’appetito, predispongono a un buon sonno e restituiscono un senso di pace.
“Piacere” può essere anche una cosa piccola che però sappiamo essere in grado di restituirci calma e rallentamento della velocità. A volte non dobbiamo cercare troppo lontano, è però fondamentale fermarsi, mettersi in ascolto e iniziare questa ricerca.

Lascia un commento

Scegli l'account con il quale vuoi firmare il commento

Benessere4u è un sito web dedicato al benessere psicofisico continuamente alimentato dalla professionalità e competenza di centinaia di psicologi e psicotepeuti professionisti sparsi in tutta italia. Trova lo specialista più adatto alle tue esigenze!

Altro... Stress
A hand squeezing a stress ball
Stress cronico: il corpo risponde

Quando siamo stressati l'attivazione corporea è intensa e riguarda tutti gli apparati e sistemi corporei. Lo stress è una modalità...

Chiudi