Trova il tuo Psicologo
       Psicoterapeuta B4U

B4U > Magazine > Genitori e Figli > Che ansia: mio figlio è grande!

Genitori e Figli

Che ansia: mio figlio è grande!

Sindrome-Nido-Vuoto
Psicologo Psicoterapeuta
Aree di Competenza: Ansia e Depressione, Ben-essere, Genitori e Figli
Cell.: 3470571342

Quando tra le pareti domestiche iniziano a farsi sentire parole del tipo: «Perché non mi lasci libero di crescere?» …  genitori e figli si scontrano.

La psicologia dello sviluppo definisce sindrome del nido vuoto la reazione psicologica che sperimentano i genitori quando i figli tendono ad allontanarsi da casa.

Quest’ultimi sono spinti da un normale processo di separazione dalle figure genitoriali per facilitare la propria individuazione nella fase dello sviluppo in cui sono impegnati nell’importante compito di formazione dell’identità. Ciò cammina parallelamente alla tendenza, perlopiù inconscia dei genitori, di voler “trattenere” il più possibili i figli a sé.

Ma quindi per i genitori la cosa importante è vedere che i figli non escano di casa e che non diventino adulti?

No! Il legame affettivo verso i figli non si spezza quando quest’ultimi stanno diventando adulti ma accade che, nel momento in cui un uomo e/o una donna hanno visto crescere e consolidarsi sempre più la loro immagine di genitori, il sopraggiungere dell’autonomia dei figli li porta a contattare la paura di perdere il proprio ruolo di genitori.

Quando i genitori sperimentano la sindrome del nido vuoto vivono con disagio, ansia, agitazione e nervosismo la tendenza dei figli nel camminare verso la propria libertà.

Tali reazioni possono essere messe in collegamento con il fatto che, l’uscita dei figli da casa rappresenta un momento di cambiamento non solo per la vita del nucleo familiare in quanto gruppo, ma rimette in discussione il ruolo dei genitori.

La famiglia è e funziona proprio come un piccolo gruppo che, nel momento in cui anche solo uno dei componenti attraversa un cambiamento, vive a catena il perpetrarsi dei cambiamenti in tutti i suoi membri e pertanto nel gruppo nella complessità.

Ad esempio, possiamo notare come la ricerca di autonomia dei figli, generalmente coincida temporalmente con il sopraggiungere della menopausa per le madri.

Ogni fase evolutiva, porta le persone a doversi riorganizzare integrando flessibilmente gli elementi di cambiamento.

Dal canto loro pertanto i genitori dovranno scoprire come il loro ruolo genitoriale potrà assumere sembianze diverse. Dovrà cambiare il modo di relazionarsi ai figli; con la crescita dei figli mutano insieme a loro le esigenze di accudimento.

Al contempo però dovranno prendersi cura di sé riscoprendosi in quanto uomo, in quanto donna ed in quanto coppia.

Aumenterà il tempo a propria disposizione, sarà superiore il numero di occasioni in cui ci saranno tempi “liberi” dagli impegni, pratici e/o percepiti, relativi al ruolo genitoriale. I genitori dovranno chiedersi, alla luce dei cambiamenti con i quali si troveranno a fare i conti, quali siano i loro nuovi bisogni.

L’uscita dei figli di casa può quindi essere vista come una possibilità per riscoprirsi in un nuovo contatto con sé, con i propri bisogni, con i propri piaceri, in una nuova fase della vita.

 

Quello che non si cancellerà mai è che i genitori sono e resteranno le figure affettive di riferimento per i figli e questo anche quando genitori e figli si rapporteranno pur essendo entrambi adulti.

Riferimenti bibliografici

E. Erikson, (1987),I cicli della vita.

Scabini, Cigoli, (2000), Il famigliare. Legami, simboli e transizioni. Edizioni Franco Cortina.

Commenti

Una risposta a “Che ansia: mio figlio è grande!”

Lascia un commento

Scegli l'account con il quale vuoi firmare il commento

Benessere4u è un sito web dedicato al benessere psicofisico continuamente alimentato dalla professionalità e competenza di centinaia di psicologi e psicotepeuti professionisti sparsi in tutta italia. Trova lo specialista più adatto alle tue esigenze!

Altro... Genitori e Figli
I figli al computer
Papà Web e mamma Rete: decalogo dei pediatri

Non è il Diavolo né l’acqua santa. Non idolatrarlo “Internet non è il nuovo Messia”,  né demonizzarlo “Internet non è...

Chiudi