Trova il tuo Psicologo
       Psicoterapeuta B4U

B4U > Magazine > Ben-Essere > Emozioni > Sindrome di Wendy: mi occupo di te perché TI AMO

Emozioni

Sindrome di Wendy: mi occupo di te perché TI AMO

La sindrome di Wendy
Psicologo Psicoterapeuta
Aree di Competenza: Ansia e Depressione, Ben-essere, Sessualità
Cell.: 347 0341776

Certamente meno nota della sindrome di Peter Pan (classificabile come un disturbo da immaturità psicoaffettiva, presente in adulti che in varie situazioni della vita tendono ad assumere atteggiamenti da bambini o adolescenti) la sindrome di Wendy definisce quell’insieme di comportamenti presenti in persone che mostrano la tendenza ad essere particolarmente accudenti e protettivi, costantemente orientati a soddisfare le esigenze e/o i bisogni dell’altro.

Si presenta con maggior frequenza nelle donne le quali, da sempre, vengono “educate al servizio” (mentre gli uomini “al privilegio”) e, nelle quali, il “prendersi cura dell’altro” viene veicolato non solo come un valore ma quasi come un dovere al fine della realizzazione della natura femminile. E questo, ancora oggi, quando i ruoli e i costumi sociali sembrano essere tanto in evoluzione

Ma chi è Wendy?

È la maggiore dei tre fratellini presenti nella fiaba di “Peter Pan”. La prima volta che Wendy incontra Peter Pan gli dice: “Ho tenuto in serbo la tua ombra, spero non si sia sgualcita. Va cucita, lo faccio io, è un lavoro da donna”. Peter Pan le propone di andare con lui sull’isola che non c’è dove la bimba potrà raccontare le favole ed essere la mamma dei Bimbi Sperduti. Wendy porta con sé anche Gianni e Michele, i suoi fratellini. La persona affetta da tale sindrome si sente responsabile del benessere dell’altro che tende sempre a compiacere e gratificare, in un costante maternage che trova spazio e orienta tutte le relazioni significative.

Nel confronti del proprio partner, oggetto indiscusso di amore, le forme di accudimento e cura possono raggiungere livelli estremi, registrando un totale sbilanciamento delle attenzioni sui bisogni dell’altro a quasi totale scapito dei propri.

Cosa si nasconde dietro questo bisogno di “prendersi cura”?

La paura del rifiuto e dell’abbandono.

Si tratta spesso di persone fortemente insicure che hanno imparato, in età infantile dalle loro figure di attaccamento (verosimilmente i genitori), che si può essere amati “a patto di…” o “a patto che..”.

A patto di essere buoni, bravi, non fastidiosi e prodighi nei confronti dell’altro. Un po’ come ad assicurarsi una “quota d’amore” con le proprie azioni.

Le persone affette dalla Sindrome di Wendy non sanno che “l’amore deve essere gratis”, pensano di doverlo meritare e in qualche modo provano ad assicurarselo con le azioni di cura, cercando di rendersi indispensabili, o credendo di esserlo.

Sebbene i gesti e i comportamenti di cura abbiano una connotazione positiva è molto importante aiutare la persona con la Sindrome di Wendy  a ricalibrare le proprie azioni, imparando a riconoscere e a confrontarsi con i propri vissuti abbandonici e con la paura del rifiuto sviluppando la consapevolezza che niente può realmente preservarci dalle separazioni e dalle chiusure affettive.

Molto importante un lavoro per sviluppare l’egosintonia in cui chiedersi costantemente cosa si accorda con noi e perché, provando un po’ a depotenziare l’altro. E per far questo, sarà fondamentale imparare ad ascoltare se stessi e i propri personali bisogni.

Come fare? Iniziamo con un piccolo esercizio:

Chiudete per un istante gli occhi e provate a chiedervi:

Domanda 1:«Come sto?».

 Permettevi di rispondere con cura, non semplicemente “bene” o “male”, provate a declinare meglio il vostro sentire. Magari potreste sentire un’emozione specifica, una sensazione anche corporea. Una volta trovata la risposta provate a chiedervi :

Domanda 2:«Di cosa avrei bisogno in questo momento per occuparmi del mio stato?». Ricordate: se alla domanda 1,“come sto” avete dato una risposta positiva l’azione da compiere per rispondere alla domanda 2 deve essere di mantenimento o potenziamento dello stato. Se invece alla domanda 1 avete dato una risposta in negativo, l’azione corrispondente alla domanda 2 dovrà essere orientata al cambiamento e/o all’accudimento.

Occuparsi di se stessi è il primo compito della vita, farlo bene richiede impegno e… cura!!

 

Lascia un commento

Scegli l'account con il quale vuoi firmare il commento

Benessere4u è un sito web dedicato al benessere psicofisico continuamente alimentato dalla professionalità e competenza di centinaia di psicologi e psicotepeuti professionisti sparsi in tutta italia. Trova lo specialista più adatto alle tue esigenze!

Altro... Emozioni
Si può educare la creatività?
Si può educare alla creatività?

Come possiamo definire la creatività? La dott.ssa Morgante fornendoci le definizioni di creatività ci guida in una riflessione  stimolandoci con...

Chiudi