Trova il tuo Psicologo
       Psicoterapeuta B4U

B4U > Magazine > Ansia e Depressione > Stress > Si può cambiare e affrontare la crisi?

Stress

Si può cambiare e affrontare la crisi?

Crisi e cambiamento
Psicologo
Aree di Competenza: Ben-essere, Dipendenze, Sessualità
Cell.: 392/9292955

Il periodo storico in cui viviamo sembra dominato in modo quasi esclusivo da una parola, CRISI, a livello economico, sociale, individuale. Uno stato di incertezza, instabilità, ansia, attraversa la società in modo trasversale. Oggettive difficoltà economiche incidono e accentuano il senso di impotenza e fallimento sulla qualità della vita. La sensazione è di sopravvivere e non di vivere in modo dignitoso. In questo scenario, dipinto dai media e sperimentato in prima persona da molti di noi, ha ancora senso parlare di benessere?

Come si può realizzare un benessere psicologico in tempi di crisi?

La parola crisi (dal greco Krisis) etimologicamente si riferisce ad un momento che separa, un passaggio da una maniera di essere ad un’altra o da una serie di fenomeni ad altri. Pertanto può rappresentare un momento di cambiamento, non necessariamente in negativo, che può portare ad un superamento di una situazione.

La crisi rappresenta un momento di stallo e difficoltà,  ma può rappresentare anche un’opportunità di cambiamento. I due elementi imprescindibili, utili per superare positivamente i momenti di crisi sono:

  • l’atteggiamento positivo
  • la motivazione

Un atteggiamento positivo ci dà la possibilità di rendere i problemi più facili da gestire, gli errori meno disastrosi, il domani più eccitante. Gli atteggiamenti negativi non ci portano da nessuna parte. Hanno solo una grande forza: ci fanno vedere il lato peggiore delle cose. L’atteggiamento positivo è ben diverso dalla visione ottimistica della vita. L’ottimista, spesso, sottovaluta i problemi, rimuove i rischi e i pericoli, esagera e gonfia le opportunità. Un problema è una medaglia con due facce: rischio e opportunità. Possedere un atteggiamento positivo significa riuscire a tenere in considerazione e superare gli ostacoli, evidenziando, di fronte ad un qualsiasi problema, le opportunità e gli aspetti positivi senza però sottovalutarne i rischi.

Oltre all’atteggiamento positivo è fondamentale la propria motivazione. Coltivare le proprie passioni e gli interessi (oppure trovarli), non trascurando di trovare in tutto ciò che si fa l’aspetto di utilità. Impegnarsi a fondo in ciò che si fa cercando i risultati di eccellenza è essenziale per alimentare la motivazione. La motivazione umana è l’energia che ci consente di portar a termine i nostri progetti, superando gli ostacoli e va alimentata ogni giorno.

Cambiare non è mai facile, né a livello dei singoli né a livello collettivo.

Quasi tutte le persone che si sentono “minacciate” dal cambiamento e tendono a “resistere” perché percepiscono il cambiamento come una perdita di controllo sulle attività abituali e sulle abitudini di vita e di lavoro.

La resistenza al cambiamento può essere:

  • passiva (disinteresse verso i nuovi obiettivi)
  • attiva (più o meno esplicita).

Le modalità della resistenza al cambiamento sono molte:

  • Rifiuto (“ho sempre fatto così…non c’è nulla che non si possa sistemare con qualche piccola modifica”)
  • Rinvio (“ora ho altri impegni, lo farò domani”)
  • Indecisione ( “devo rifletterci ancora un po’ ”)

Un elemento centrale per l’azione del cambiamento è il superamento della propria zona di agio. La propria “zona di agio” (o di confort) è una dimensione all’interno della quale siamo comodi ma non possiamo apprendere nuove strategie. Il cambiamento impone l’approdo in una zona di momentanea  incertezza, in una zona poco rassicurante quindi, dove però si possono imparare nuove abitudini e competenze e dove si possono raggiungere nuovi obiettivi.

Albert Einstein sosteneva tre regole per adattarsi al cambiamento:

  1. “esci dalla confusione e trova semplicità”
  2. “esci dalla discordia e trova armonia”
  3. “nel pieno delle difficoltà risiede l’occasione favorevole”

A volte il cambiamento richiede l’attivazione e la mobilitazione delle proprie risorse, energia e creatività per fronteggiare una situazione ed effettuare un passaggio, un cambiamento appunto.

Sapersi orientare in un periodo di cambiamento non è facile, ma può essere il punto di partenza verso il saper scegliere in modo consapevole.

Lascia un commento

Scegli l'account con il quale vuoi firmare il commento

Benessere4u è un sito web dedicato al benessere psicofisico continuamente alimentato dalla professionalità e competenza di centinaia di psicologi e psicotepeuti professionisti sparsi in tutta italia. Trova lo specialista più adatto alle tue esigenze!

Altro... Stress
Stress da traffico due esercizi psico corporei
Stress da traffico: che fare? seconda parte

Nella seconda parte dell'articolo su come affrontare e gestire lo stress da traffico il dott. Ercoli presenta due esercizi psico-corporei...

Chiudi