Trova il tuo Psicologo
       Psicoterapeuta B4U

B4U > Disturbi Umore > Mania

Mania

La mania è una condizione patologica riscontrabile in diversi disturbi dell’umore come il DOC (disturbo ossessivo compulsivo) o il DB (disturbo bipolare).

Sintomi maniacali si possono tuttavia riscontrare anche in altre patologie come schizofrenia o in conseguenza all’utilizzo di droghe. Per diagnosticare una mania dobbiamo essere in presenza di un distinto e prolungato periodo di anormale elevazione del tono dell’umore, con caratteristiche di espansività o irritabilità. I disturbi dell’umore devono essere abbastanza gravi da compromettere le attività di studio, di lavoro o le capacità di relazione sociale.

I sintomi sono un eccessivo ottimismo del soggetto, aumento dell’autostima che sfocia in mania di grandezza, una certa agitazione fisica caratterizzata da iperattività e la sensazione di aumentata energia spesso associata a diminuzione della fame e del sonno. Il soggetto ha la tendenza a parlare molto più del solito e ad ostentare un aumentato coinvolgimento in attività che possono avere conseguenze pericolose. Può mettere in atto comportamenti sregolati e irresponsabili, fino alla totale assenza di freni inibitori (per es. comportamenti sessualmente sconvenienti, investimenti azzardati).

L’agitazione mentale è caratterizzata da un flusso continuo di idee e iniziative, apparentemente grandiose, così numerose che ne risulta un insieme caotico e privo di senso.
Il soggetto può inoltre mostrare volubilità nel cambiare opinione, difficoltà nell’attenzione, manifestare aggressività.

Questi comportamenti apparentemente irrazionali ed irragionevoli hanno lo scopo di abbassare nei soggetti il livello d’ansia e il forte senso di disagio, e far provare loro un senso di benessere. Purtroppo però i comportamenti messi in atto durante una fase maniacale acuta possono essere potenzialmente pericolosi sia per il soggetto stesso che per gli altri.

Nel Disturbo Bipolare, ad esempio, si parla di fase maniacale quando il soggetto sente improvvisamente una forza e un entusiasmo nettamente in contrapposizione al senso di inabilità e inadeguatezza sperimentati durante la fase di depressione.
Una forma intermedia è l’ipomania, ovvero una sindrome maniacale di lieve entità con assenza di sintomi psicotici. Talvolta l’ipomania è quella fase della produzione artistica in cui il talento dell’artista vede la sua massima espressione, proprio grazie al fluire d’idee geniali e all’agitazione mentale e fisica che contraddistinguono la mania.

Alcool, stupefacenti, caffeina e stimolanti. agiscono sul funzionamento cerebrale e spesso hanno effetti sull’umore ed il comportamento. È frequente per molte persone con disturbi dell’umore, cercare di “curare” i propri sintomi attraverso alcool e sostanze stupefacenti. Sfortunatamente, assunte in modo continuativo e a dosi elevate, queste sostanze, oltre a creare dipendenza, acuiscono la depressione, nelle fasi depressive e disinibiscono comportamenti che possono rilevarsi inappropriate o pericolosi, nelle fasi maniacali. Inoltre producono tali problemi medici da rendere praticamente incurabile o intrattabile il disturbo dell’umore.

La dipendenza da queste sostanze inoltre modifica i sintomi dei disturbi dell’umore, rendendone difficile la diagnosi e quindi la terapia.
Persone con una storia familiare di disturbi dell’umore devono considerare il rischio genetico che i propri figli possano sviluppare la malattia. Saperne riconoscere i segni precoci aumenta le possibilità di successo delle terapie a disposizione che oggi riducono di molto i danni associati con la malattia, che diventeranno sempre meno via via che si renderanno disponibili nuove cure, più efficaci e meglio tollerate.)

Trattamento

Farmacologico
Nel trattamento della mania nella fase acuta vengono usati di solito antipsicotici o neurolettici o altri farmaci come il diazepam o altre benzodiazepine. Il litio è spesso usato nel trattamento della mania in fase acuta, ma la sua indicazione principale riguarda l’azione di prevenzione delle crisi sia maniacali che depressive. L’acido valproico e la carbamazepina sono ugualmente usati nel trattamento della mania acuta così come nella prevenzione delle ricadute.
Anche altri farmaci di più recente introduzione stanno dimostrando una efficace azione nella regolazione dell’umore come la lamotrigina e la gabapentina.

Psicoterapeutico
La psicoterapia aiuta i pazienti a fare fronte alla paura, alla vergogna e all’ansietà connesse alla malattia e può aiutali ad imparare modi nuovi di affrontare le relazioni sociali ed affettive che possono risentire degli effetti della malattia. È  utilissima per riconoscere i sintomi ed identificare le cause scatenanti le problematiche (interne ed esterne alla persona) da affrontare e nel contempo cercare nuove strategie per fronteggiarle e risolverle.

Lascia un commento

Scegli l'account con il quale vuoi firmare il commento

Benessere4u è un sito web dedicato al benessere psicofisico continuamente alimentato dalla professionalità e competenza di centinaia di psicologi e psicotepeuti professionisti sparsi in tutta italia. Trova lo specialista più adatto alle tue esigenze!