Trova il tuo Psicologo
       Psicoterapeuta B4U

B4U > Disturbi di personalità > Disturbo di personalità paranoide

Disturbo di personalità paranoide

Il disturbo di personalità paranoide si caratterizza per una estrema sospettosità e diffidenza nei confronti dell’altro, vissuto costantemente come nemico e come possibile minaccia e pericolo.

Chi presenta questa struttura di personalità è costantemente in guardia e tende ad essere patologicamente diffidente verso tutto e tutti: è dominato in maniera rigida e pervasiva da pensieri di persecuzione,  e  ha costantemente paura di essere tradito, danneggiato, ferito o ucciso (anche da persone amate).

E’ eccessivamente sospettoso e tende sempre ad interpretare in modo negativo le intenzioni e le azioni degli altri, anche quando queste sono oggettivamente a suo vantaggio (un favore ricevuto)  Tende a nutrire sospetti non realistici di venir sfruttato, danneggiato, tradito (tipicamente dal coniuge, ma anche dalle  persone di fiducia)
Prova timore a confidarsi con gli altri e tende a provare rancore nei confronti dell’altro.

La persona non presenta tuttavia veri e propri deliri (che invece caratterizzano gli psicotici paranoidi) e il rapporto con la realtà esterna, anche se alterato, è comunque presente.

CAUSE

Definire le cause specifiche nell’insorgenza di un disturbo di personalità è decisamente poco fattibile, infatti come la personalità detta “normale” anche le personalità dette “patologiche” tra cui quella paranoide si strutturano a partire dai primi anni di vita fino all’età adulta in base alla  convergenza di una molteplicità di diversi fattori:  ambientali, biologici, relazionali, traumatici ecc.

Da un punto di vista intrapsichico il disturbo paranoide  è prevalentemente generato da un uso massiccio e costante del meccanismo di difesa della proiezione, attraverso il quale il soggetto proietta inconsciamente all’esterno (su altre persone o sull’ambiente) le caratteristiche ritenute cattive appartenenti alla propria persona.  In tal modo il mondo interno viene protetto a discapito del mondo esterno che viene percepito come costantemente ostile e pericoloso per la sopravvivenza dell’individuo.

TRATTAMENTO

Il trattamento richiede tempi generalmente lunghi, anche in considerazione del fatto che, come detto, la strutturazione stessa della personalità paranoide avviene nel corso di molti anni. Obiettivo finale del trattamento è quello di generare una ristrutturazione della personalità al fine di renderla più funzionale con la vita stessa del soggetto portandolo a ridurre drasticamente il vissuto di minaccia e inaffidabilità nei confronti dell’altro. Raramente un trattamento di breve durata può essere risolutivo rispetto ai disturbi di personalità: anche se per alcuni cambiamenti di comportamento possono essere necessari pochi mesi o un anno, in genere il lavoro sugli atteggiamenti interpersonali e le modalità relazionali richiedono tempi più lunghi.
Lo psicoterapia individuale è generalmente il trattamento d’elezione, quanto meno in una fase iniziale del trattamento,  anche se spesso è utile (a volte essenziale) la terapia familiare e di gruppo.

A volte la terapia viene integrata con quella farmacologica, usata fondamentalmente per arginare i principali sintomi emotivi associati al disturbo (impulsività/ eccesso di rabbia/paura). Tuttavia è necessario sottolineare che la terapia farmacologia non può intervenire sulla modifica dei tratti di personalità.

Lascia un commento

Scegli l'account con il quale vuoi firmare il commento

Benessere4u è un sito web dedicato al benessere psicofisico continuamente alimentato dalla professionalità e competenza di centinaia di psicologi e psicotepeuti professionisti sparsi in tutta italia. Trova lo specialista più adatto alle tue esigenze!