Trova il tuo Psicologo
       Psicoterapeuta B4U

B4U > Magazine > Alimentazione > Peso corporeo > La gestione del peso corporeo

Peso corporeo

La gestione del peso corporeo

Counseling alimentare nella gestione del peso
MariaMascotti Maria Mascotti Ostia Lido - Roma (RM)
Psicologo
Aree di Competenza: Alimentazione, Ben-essere
Cell.: 3922182049

Il comportamento alimentare presenta caratteristiche biologiche ma anche sociali, culturali, familiari e psicologiche.
Se alimentarsi fosse solamente un atto innato e automatico mangeremmo solo quando abbiamo fame e smetteremmo raggiunto lo stato di sazietà come avviene nel mondo animale.
Per l’uomo alimentarsi è anche un atto acquisito influenzato dall’ambiente e al quale vengono attribuiti significati culturali ed emotivi.
Attraverso il cibo costruiamo momenti di socializzazione, esprimiamo accudimento e affetto, definiamo la nostra identità e l’adesione a principi etici e religiosi. Come utilizziamo il cibo oltre che per alimentarci?

Usiamo il cibo:

  • come consolazione in momenti di sconforto
  • per ridurre lo stress
  • per colmare un vuoto affettivo
  • per calmare l’ansia
  • per sedare principalmente emozioni negative quali rabbia, tristezza, delusione, noia, ecc.

Questo rapporto così complesso con l’alimentazione, ci spinge a mangiare più di quanto avremmo bisogno e ad ingrassare se non riusciamo a compensare l’eccesso con l’attività fisica.

Appare chiaro che la sola dieta intesa come regime alimentare ipocalorico e la prescrizione dell’attività fisica non bastano a perdere e soprattutto a mantenere il peso nel tempo. Le ricerche infatti dimostrano che il 65% delle persone che seguono una dieta, recupera il peso perduto nei tre anni successivi. Nel caso la dieta sia stata particolarmente restrittiva, solo il 5% delle persone riesce a mantenere il peso perso.
Non è sufficiente prestare attenzione a “cosa” e a “quanto” si mangia ma occorre intervenire anche sul “perché” e “quando”, cioè su quei fattori e situazioni che influenzano il nostro modo di alimentarci.
Le persone con problemi nella gestione del peso sanno bene cosa e quanto mangiare dopo anni di prescrizioni dietetiche eppure non riescono a raggiungere il peso desiderato e hanno difficoltà a controllare la loro alimentazione. Questo accade perché fattori psicologici, di cui non sono consapevoli, influiscono sul loro rapporto con il cibo.

La Psicologia, come scienza del comportamento, studia e affronta questi aspetti e fornisce gli strumenti per il cambiamento.

Aiuta a comprendere i significati unici e personali che vengono attribuiti al cibo e a superare gli ostacoli che spingono a mangiare troppo o male. Le figure professionali che finora si sono occupate di sovrappeso ed obesità sono state dietologi, nutrizionisti, dietisti che non possiedono le competenze per affrontare il problema da un punto di vista psicologico. Il problema infatti non è il cibo in sé, ma il rapporto che con esso viene stabilito attraverso abitudini che portano a mangiare di più.

Lo psicologo esperto in comportamento alimentare attraverso un intervento di tipo psico-educativo mira ad incrementare la capacità attentiva e la consapevolezza rispetto alla fame emotiva, all’introito calorico, al senso di fame e sazietà biologica, alla necessità di aumentare il dispendio energetico e a tutti quegli stimoli ambientali che portano a mangiare più di quanto si vorrebbe e dovrebbe, utilizzando strumenti che aiutano a focalizzare i propri bisogni e le proprie sensazione corporee.
La strada nella gestione del peso corporeo è contrapporre il principio del piacere inteso come riscoperta di un’alimentazione basata sui propri gusti e necessità fisiologiche al principio del dovere che caratterizza le diete prescrittive, relegando l’individuo in una posizione passiva. Ritrovare il contatto ed il dialogo con il proprio piacere è la direzione.
Lo psicologo che si occupa di counseling alimentare, in conclusione, interviene non solo sul problema specifico, ma sulla persona nella sua interezza.

Il Counseling psicologico alimentare è un intervento psicologico che attraverso l’uso di strumenti specifici, promuove un corretto comportamento alimentare nelle persone che presentano problemi di peso o un cattivo rapporto con il cibo aiutandole a modificare abitudini alimentari scorrette, stile di vita, schemi di pensiero disfunzionali e a gestire più efficacemente le proprie emozioni.
Stimola ad individuare ed utilizzare le risorse personali, a gestire con più efficacia le emozioni e i momenti di difficoltà, a trovare altri canali nei quali investire le proprie energie e da cui trarre piacere e benessere.
Sostiene infine un processo di crescita globale, in cui l’individuo diventa il protagonista del proprio cambiamento gestendo in autonomia e libertà la propria salute.

Lascia un commento

Scegli l'account con il quale vuoi firmare il commento

Benessere4u è un sito web dedicato al benessere psicofisico continuamente alimentato dalla professionalità e competenza di centinaia di psicologi e psicotepeuti professionisti sparsi in tutta italia. Trova lo specialista più adatto alle tue esigenze!

Altro... Peso corporeo
Diete
Perdere peso: perchè le diete falliscono?

Un dimagrimento sano ha bisogno dei suoi tempi e si basa sull’adozione di un’alimentazione varia ed equilibrata ma il desiderio...

Chiudi