Trova il tuo Psicologo
       Psicoterapeuta B4U

B4U > Magazine > Genitori e Figli > Infanzia e Adolescenza > Il compagno immaginario nei bambini

Infanzia e Adolescenza

Il compagno immaginario nei bambini

Il compagno immaginario dei bambini

Il compagno immaginario dei bambini

Solitamente i bambini tendono a creare i loro compagni immaginari nel momento in cui nessuno è disponibile a intrattenersi e a giocare con loro o in momenti in cui faticano a tollerare la solitudine come potrebbe essere, ad esempio, la notte e il conseguente distacco dai genitori.

Al compagno immaginario viene spesso dato un nome, una forma, una tipologia ben precisa di personalità e viene trattato dal bambino stesso come se fosse qualcuno di reale. Può essere una persona cosi come un animale o un oggetto. Vi è un famoso fumetto intitolato “Calvin and Hobbes” dove un bambino rende animata, ma solo in alcuni momenti,  una tigre di peluche utilizzandola come compagna di giochi. In questo caso l’immaginario parte da un dato concreto della realtà ma i due meccanismi sono molto simili.

Le caratteristiche del compagno immaginario, date dal bambino, sono importanti indizi che ci possono far comprendere  il motivo per cui il bambino ha  dato via a questa attività.
L’utilizzo di un compagno immaginario ha molteplici funzioni:

  • può consentire infatti ad un bambino di tollerare meglio i momenti di solitudine
  • può essere un mezzo per comunicare agli altri le proprie paure (…sai mamma il mio amico immaginario ha paura del buio e teme che  possa succeda qualcosa di spaventoso…)
  • può inoltre essere uno strumento per sostituire una mancanza, anche grave, nella vita di un bambino il desiderio, da parte del bambino, di giocare con le proprie capacità creative.

Esistono situazioni in cui la scomparsa di un familiare viene sostituita da una figura immaginaria, che aiuta il bambino ad affrontare meglio tale assenza consentendogli di avere, anche se solo a livello immaginario, un punto di riferimento al quale appoggiarsi in alcuni momenti della propria esistenza.

Questa situazione è riscontrabile anche negli adulti sani che in alcuni momenti significativi della loro vita si ritrovano a conversare, a confidarsi con il genitore scomparso come se fosse realmente presente  traendo da queste situazioni grande conforto e sollievo.

In alcuni situazioni i bambini immaginano i loro amici fantastici con caratteristiche che loro stessi vorrebbero poter avere. Si hanno quindi amici invisibili che sono dotati di una eccezionale forza, capaci di fare cose speciali, cosi come di caratteristiche più semplici come il potere essere un bravo studente o capace di giocare bene a calcio. Queste invenzioni hanno quindi il valore di compensare gli aspetti che i bambini ritengono più fragili della loro personalità e di potersi cosi sperimentare capaci  attraverso la creazione di un compagno invisibile

Per i genitori o le figure che si prendono cura di questi  bambini capire il senso di tali invenzioni ha sicuramente una grande importanza in quanto consente di poter meglio capire la fase evolutiva e le difficoltà che quel bambino sta attraversando
Ad esempio un bambino che si inventa una figura immaginaria con le caratteristiche di una donna adulta  percepirà  probabilmente una certa carenza da parte della madre e, se capito, potrebbe  essere un indice che permetta alla madre stessa di porre maggior attenzione alle cure che rivolge al figlio. Solitamente i bambini tendono ad abbandonare questa creazione immaginaria perché non ne hanno più bisogni, poiché  il compito per cui è stata data “vita” a questa creazione è stato assolto. Ritornando all’ esempio precedente si potrebbe ipotizzare che la madre si sia avvicinata maggiormente al figli e rende ora inutile e superfluo il lavoro svolto dal compagno immaginario che cosi viene  abbandonato e dimenticato.

Simile alla creazione di un amico del tutto immaginario è l’utilizzo di peluche o giocattoli chiamati in termine tecnico “oggetti transizionali” che consentono al bambino di meglio superare i distacchi dalle figure di riferimento in quanto rievocano le figure significative che danno conforto e rassicurazione.

Bibliografia

Marjorie Taylor “Imaginary companions and the Children who create them

Lascia un commento

Scegli l'account con il quale vuoi firmare il commento

Benessere4u è un sito web dedicato al benessere psicofisico continuamente alimentato dalla professionalità e competenza di centinaia di psicologi e psicotepeuti professionisti sparsi in tutta italia. Trova lo specialista più adatto alle tue esigenze!

Altro... Infanzia e Adolescenza
Comunicare agli adolescenti
Comunicare con gli adolescenti: quale codice usare?

A volte comunicare con i ragazzi è una fatica notevole per un adulto, ma la stessa cosa è vera anche...

Chiudi