Trova il tuo Psicologo
       Psicoterapeuta B4U

B4U > Magazine > Ansia e Depressione > I suicidi della crisi

Ansia e Depressione

I suicidi della crisi

suicidi-della-crisi
Benessere4u Benessere4u.it Roma (RM)
Studi e Associazioni
Aree di Competenza: Ben-essere, Genitori e Figli, Sessualità

Ogni giorno da ormai troppo tempo siamo costretti ad aggiornare la lunga lista di persone che per motivi economici (debiti, cartelle esattoriali, mancanza di fondi) decidono di togliersi la vita. Su Facebook, per non dimenticare, è nata una pagina dal nome Cronologio dove vengono regolarmente registrate le morti dei suicidi della crisi.
La crisi e la disoccupazione non hanno solo effetti economici sui consumi, i risparmi, i debiti delle famiglie e delle persone ma producono crisi d’identità e perdite d’autostima, che possono sfociare in disturbi del comportamento, aggressività e devianza sociale di tipo criminale. Particolarmente colpiti risultano essere gli uomini, con oltre il 90% dei casi, per i quali la perdita del lavoro corrisponde spesso ad una perdita dell’identità. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha indicato la disoccupazione come una delle maggiori cause che portano ai suicidi.

L’attenzione dei media è alta e costante e ciò induce a riflettere sulla possibilità del contagio e della suggestione sulla catena di suicidi che sembra non riuscire a spezzarsi. Il dott. Claudio Mencacci, direttore del dipartimento di Neuroscienze dell’Ospedale Fatebenefratelli di Milano ha parlato di “effetto domino” riferendosi al fatto che notizie di suicidi riportate in modo sensazionalistico possono indurre altri suicidi. Precisa inoltre che «Il suicidio non e’ un atto misterioso compiuto da un individuo apparentemente in salute, ma e’ una complicazione di una patologia spesso trattabile».

Molto importante, dunque, porre grande attenzione ad ogni segnale di disagio proprio nelle persone che si trovano in difficoltà economiche aggravate dalla crisi e che vivono la condizione di disoccupazione. In particolare sarà bene monitorare:

  • tutto ciò che rimanda ad una situazione di immobilità (non uscire di casa, non compiere azioni di cura personale, isolamento sociale, perdita di interessi)
  • alterazione della gestione alimentare (mangiare troppo o troppo poco)
  • alterazioni del ritmo sonno-veglia (dormire troppo o troppo poco)
  • uso di sostanze (alcool e droghe)
  • rifugio in dipendenze senza sostanze “socialmente accettate” (sesso, gioco d’azzardo, internet).

E ancora elemento molto importante: chiedere aiuto.

Sotto il Patrocinio delle Provincia di Roma è attiva dal 16 aprile la campagna Occupiamoci dei Disoccupati che offre sostegno gratuito a tutte le persone che hanno perso il lavoro e che si trovano a vivere la condizione di disoccupazione.
Molti professionisti di Benessere4U aderiscono a questa campagna, ricercali nella tua zona!

Lascia un commento

Scegli l'account con il quale vuoi firmare il commento

Benessere4u è un sito web dedicato al benessere psicofisico continuamente alimentato dalla professionalità e competenza di centinaia di psicologi e psicotepeuti professionisti sparsi in tutta italia. Trova lo specialista più adatto alle tue esigenze!

Altro... Ansia e Depressione
omofobia-colpisce-ancora
L’omofobia colpisce ancora!

Questa volta vittima della violenza omofoba gratuita è un ragazzo, aggredito con insulti e con un pugno che lo ha mandato all'ospedale....

Chiudi