Trova il tuo Psicologo
       Psicoterapeuta B4U

B4U > Magazine > Sessualità > I metodi contraccettivi tra i giovani

Sessualità

I metodi contraccettivi tra i giovani

Quali metodi contraccettivi utilizzano i giovani?
Psicologo
Aree di Competenza: Ansia e Depressione, Genitori e Figli, Sessualità
Cell.: 3331146928

L’età media del primo rapporto sessuale pare essersi notevolmente abbassata. I giovani si avvicinano al mondo della sessualità sempre più precocemente ma tale approccio non va, purtroppo, di pari passo con una corretta e adeguata informazione. Siamo il paese con il più basso utilizzo di metodi contraccettivi tra i giovani. Questo dato è abbastanza allarmante!

Le notizie e le curiosità che i giovani hanno rispetto al loro corpo e al sesso, le soddisfano soprattutto con il mezzo per eccellenza più utilizzato oggi: Internet.

I  mezzi di Internet con i quali i giovani cercano notizie sono:

  1.  social network
  2.  forum
  3. chat room
  4. Messenger
  5. siti tematici, dove scambiare e far circolare informazioni in maniera, volendo, del tutto anonima.

Il rischio è che alcune informazioni possono essere frammentarie, limitate o distorte dalla personale esperienza dei giovani.  Ed ecco che, di fronte a domande su come gestiscono il primo rapporto alcuni giovani rispondono che:

  • la prima volta non si può rimanere incinta
  • che per una volta che si prova non succederà niente, poiché non si è stati sufficientemente preparati a tale evento.

Inutile dire che la scarsa informazione che circola nelle scuole, luogo primario di scelta ove iniziare a formare una cultura e una coscienza del proprio corpo, della sessualità, delle relazioni affettive in generale, non può bastare. Il numero di scuole che propone costantemente e in maniera ufficiale e regolare corsi di educazione sessuale è esiguo. Perché?

Come mai questo freno alla diffusione di una cultura dell’informazione, dell’educazione ad una gestione sana del proprio corpo, del rispetto di sé e dei tempi e desideri dell’altro, come mai questa situazione così diversa da altri paesi d’Europa?

Non si tratta solo di difendersi dalle malattie, cosa fondamentale tra l’altro, ma anche di fornire un’educazione al piacere, al rispetto, al rafforzamento dell’autostima, e molto altro.

Inutile dire che difficilmente in età adolescenziale i ragazzi si rivolgono ai genitori per questo tipo di domande, anche perché sono gli stessi genitori ad essere in difficoltà nell’ affrontare tali questioni. Parlare di sessualità ai propri figli è ancora un tabù per molti, equivale a parlare di sé e della propria sessualità, significa far trapelare le proprie convinzioni e il proprio modo di viversela, i propri gusti, oltre che, molto importante, autorizzare inconsciamente e sottilmente i propri figli ad avere esperienze sessuali.

Presso i consultori arrivano giovani che raccontano di tentativi maldestri con cui hanno cercato di tutelarsi dall’eventualità di una gravidanza indesiderata, utilizzando metodi del tutto fuori luogo e a volte pericolosi. Purtroppo in alcune occasioni la pillola del giorno dopo, farmaco con un elevato dosaggio ormonale, che può creare nausea, diarrea o vomito, è utilizzata alla stregua di un metodo contraccettivo qualsiasi. La pillola del giorno dopo in realtà è un rimedio di assoluta emergenza da utilizzare solo in situazioni eccezionali come nel caso in cui il preservativo si dovesse rompere o se non si è sicuri di aver preso la pillola correttamente. Tutto ciò rende prioritario insegnare ai giovani l’utilizzo corretto dei metodi contraccettivi!

Il preservativo resta tra i giovani il metodo contraccettivo più utilizzato, ma le remore e i freni verso il suo utilizzo sono ancora molti. Si teme possa togliere spontaneità al rapporto, alcune ragazze si vergognano ancora a tenerlo con sé nello zaino o in borsa, perché c’è il timore di essere giudicate male e non come persone che invece tengono alla propria salute.

Il preservativo è l’unico metodo che protegge anche dalle malattie che si trasmettono a livello genitale. Non è solo l’Hiv a dover spaventare i giovani ma tutta una serie di infezioni difficili da curare (Herpes vaginale, Clamidia, condilomi, candida, gonorrea, sifilide…). Queste malattie, oltre ad essere molto fastidiose sono causa di problemi anche più gravi qualora trascurate.

Molte ragazze, grazie anche alle informazioni diffuse dai consultori o da alcuni specialisti ben preparati, si avvicinano sempre di più alla pillola. Dosaggi ormonali più bassi hanno visto diminuire i fastidiosi disagi che poteva arrecare anni fa come:

  • la ritenzione idrica
  • disturbi del tono dell’umore

Come per il preservativo anche in questo caso sono ancora diffusi i pregiudizi che andrebbero, di volta in volta, corretti e riveduti nell’immaginario delle ragazze. Oggi sono disponibili forme come:

  1.  cerotto – da applicare sulla schiena o sul braccio
  2.  anello vaginale – da inserire prima dei rapporti e a bassissimo dosaggio ormonale.

I metodi contraccettivi da poter utilizzare sono numerosi ma ciò nonostante è ancora molto diffuso tra i giovani il coito interrotto.

Il preservativo resta il metodo più sicuro per eccellenza per quel che riguarda la protezione dalle malattie sessualmente trasmissibili! Anche rispetto all’eventualità che possa  creare allergie si può ovviare con altri materiali in commercio che utilizzano il caucciù al posto del lattice.

Altri metodi, forse meno utilizzati tra i giovani, sono il diaframma o la spirale, il calcolo dei giorni fertili (Ogino-Knaus), il metodo della temperatura basale, ma sicuramente più complessi da utilizzare o da spiegare a giovani che desiderano intraprendere le loro prime esperienze sessuali con la più completa serenità.

Lascia un commento

Scegli l'account con il quale vuoi firmare il commento

Benessere4u è un sito web dedicato al benessere psicofisico continuamente alimentato dalla professionalità e competenza di centinaia di psicologi e psicotepeuti professionisti sparsi in tutta italia. Trova lo specialista più adatto alle tue esigenze!

Altro... Sessualità
Come far durare una coppia? Cosa fare quando si vive una crisi?
Come far durare una coppia?

I dati oggi riferiscono che la media dei matrimoni non duri più di 15 anni! La vita della coppia è contraddistinta...

Chiudi