Trova il tuo Psicologo
       Psicoterapeuta B4U

B4U > Magazine > Genitori e Figli > Famiglia > Crisi in famiglia:che succede?

Famiglia

Crisi in famiglia:che succede?

Crisi in famiglia: che succede?
Psicologo Psicoterapeuta
Aree di Competenza: Ansia e Depressione, Ben-essere, Genitori e Figli
Cell.: 3470571342

Il concetto di crisi è associato al processo di cambiamento. La crisi può coinvolgere il sistema socio – economico o la persona. Che risvolti assume la crisi quando riguarda la famiglia o la coppia?

Il primo punto saldo è che la crisi della famiglia è legata allo sviluppo della famiglia.

La famiglia attraversa un vero e proprio ciclo di vita caratterizzato da momenti di transizione e cambiamento. Il ciclo di vita della famiglia si distingue per avere:

  • eventi critici prevedibili o normativi (eventi  diffusi nella maggior parte delle famiglie e che sono in un certo senso attesi quali ad esempio nascita dei figli, matrimonio etc)
  • eventi critici imprevedibili o paranormativi (eventi non sono del tutto prevedibili quali ad esempio malattie, morti premature, crisi economica etc).

La crisi è necessaria per assecondare il ritmo e l’obiettivo di transizione verso una nuova fase di vita. Per far sì che ogni fase del ciclo vitale della famiglia sia superata è necessario che vengano  superati con successo i compiti evolutivi propri di ciascuna fase. In occasione di ciascuna fase il sistema familiare si trova a confrontarsi con una situazione nuova che richiede un cambiamento nell’organizzazione del sistema, dell’individuo e conseguentemente delle relazioni.

Un momento di transizione e cambiamento del ciclo vitale della famiglia è l’adolescenza di un figlio. In questa fase:

  • GENITORI – devono aggiornare e ridefinire i loro obiettivi come singoli individui e come coppia rinvestendo sulla propria dimensione personale
  • FIGLIO ADOLESCENTE – coinvolto nel vortice di cambiamenti fisici, organici, identità, si  relaziona con il mondo esterno e con il mondo interno in modo nuovo
  • RELAZIONE GENITORI/FIGLI – è necessario aggiornare la modalità di comunicazione e interazione che tenga presente le nuove esigenze e modalità di vicinanza tra genitori e figli.

Un periodo di crisi può assumere sembianze traumatiche e stressanti infatti si osserva a volte la paura del cambiamento, la paura di non saper affrontare una nuova fase e sentirsi comunque vicini che può interferire con il processo di crescita. Un genitore si oppone al cambiamento adolescenziale ad esempio  non ascoltando le scoperte che giorno dopo giorno l’adolescente fa di sè e del suo stare al mondo.

Una modalità relazionale capace di accogliere l’unicità di ciascun partner favorisce lo sviluppo di tutti i membri della famiglia stessa. La famiglia è un nucleo relazionale in cui predomina la dimensione affettiva nella quale si sta vicini più si riesce a stare lontani. Il risultato è una relazione che rimane vitale e viva. Quando le caratteristiche individuali non sono comprese, scoperte, valutate positivamente ne risente la relazione.

Si diventa adulti sereni solo dopo aver attraversato i diversi momenti di crisi e transizione nel ciclo vitale della famiglia e di ogni suo componente.

La crisi è quindi un’opportunità per ristrutturare i rapporti tra i membri della famiglia. Ogni momento di transizione è necessariamente caratterizzato dalla crisi delle vecchie modalità interattive e dalla richiesta di nuove possibilità evolutive.

 

Lascia un commento

Scegli l'account con il quale vuoi firmare il commento

Benessere4u è un sito web dedicato al benessere psicofisico continuamente alimentato dalla professionalità e competenza di centinaia di psicologi e psicotepeuti professionisti sparsi in tutta italia. Trova lo specialista più adatto alle tue esigenze!

More in Famiglia
Vacanze natalizie: tempo libero in famiglia
Vacanze natalizie: tempo libero in famiglia

Nella scuola, tra pochi giorni cartelle e zainetti si chiuderanno per un paio di settimane e si apriranno i lunghi...

Close