Trova il tuo Psicologo
       Psicoterapeuta B4U

B4U > Magazine > Alimentazione > Cos’è la Mindful Eating?

Alimentazione

Cos’è la Mindful Eating?

Mariagrazia De Lisio Campobasso (CB)
Psicologo
Aree di Competenza: Alimentazione, Ben-essere, Genitori e Figli

Sempre più frequentemente sentiamo risuonare il termine: Mindful Eating. Tradotto in italiano con alimentazione consapevole, è un’abilità che facilita l’adozione di abitudini salutari e regolari.

Descrive la consapevolezza non giudicante delle sensazioni fisiche, dei pensieri e delle emozioni associate all’alimentazione. La mindful eating non suggerisce cosa è corretto mangiare o quanto, ma di porre l’attenzione sul come mangiamo e con quale grado di consapevolezza (Montesarchio).

Non esiste un modo giusto sbagliato di mangiare, ma diversi gradi di consapevolezza che circondano l’esperienza con il cibo, non solo le sue qualità sensoriali (gusto, aspetto, suono, aroma, percezioni tattili) ma anche dei nostri segnali fisiologici (in particolare fame e sazietà), il nostro vissuto emotivo e il nostro stato mentale.

La mindful eating non prescrive diete, ne segue un numero su una bilancia, ma guida le nostre esperienze interne, momento per momento, riconnettendoci con la naturale saggezza del nostro corpo. In questo modo il cibo può trasformarsi da una fonte di sofferenza a una fonte di piacere e auto conoscenza.

Un detto zen dice: “quando hai fame, mangia”. Sembra semplice ma non lo è, o lo è per i neonati e per i bambini piccoli che sono ben sintonizzati con i messaggi del corpo. Tutti, infatti, alla nascita possediamo questa capacità di ascoltarci interiormente, che però perdiamo crescendo. Ma mano cresciamo, mangiare non è semplicemente un modo per nutrirsi e fare pieno di energia ma assolve a molti scopi, ad esempio serve per calmarsi, intrattenersi premiare e punire.

Per questo motivo prima di lavorare sulla consapevolezza mentre mangiamo, dobbiamo diventare consapevoli di cos’è che ci spinge a mangiare. Spesso le persone dicono che mangiano perché hanno fame, ma se chiediamo loro di descrivere la fame non sanno rispondere. Questo perché ci sono diversi tipi di fame, ben nove, che comprendono sensazioni, pensieri ed emozioni che coinvolgono mente, corpo e cuore.

Una delle abilità fondamentali necessarie per praticare il mindful eating è acquisire consapevolezza sulla fame stessa in modo da sapere di cosa abbiamo fame e come soddisfare quel tipo specifico di fame.

Un altro aspetto importante è diventare consapevoli dei nostri condizionamenti. Il condizionamento è un fenomeno normale e inevitabile che coinvolge tutti. La nostra relazione con il cibo è condizionata da molti fattori: la famiglia d’origine, la pubblicità, la televisione, i film, libri, i coetanei, il contesto. Una forma molto comune di condizionamento che avviene nell’infanzia è quando ai bambini viene detto “finisci quello che hai nel piatto!”. Quest’ordine è particolarmente forte se si aggiunge il senso di colpa per i bambini che muoiono di fame dall’altra parte del mondo. Questa frase spinge loro ad ignorare i segnali del corpo e basarsi sul piatto vuoto come indicatore per stabilire se hanno mangiato abbastanza. Le ricerche infatti dimostrano come la maggior parte delle persone in Occidente usino questo elemento per decidere quando smettere di mangiare, per cui è abbastanza evidente come questo condizionamento sia forte, molto comune e non aiuta nel ascolto del proprio corpo.

Come possiamo liberarci dai condizionamenti?

La risposta è la consapevolezza, semplice ma non facile da eseguire. Rompiamo le vecchie abitudini diventandone consapevoli e non muovendoci con il corpo, che significa appunto non parlare e non fare niente con il corpo. Quando, infatti, fermiamo un comportamento automatico, non reagiamo istintivamente, creiamo uno spazio tra il pensiero e l’azione, dandoci il tempo di riflettere ed essere consapevoli dell’attivazione di vecchi schemi e di automatismi, e la possibilità di scegliere se seguirli oppure no.

La mindful eating è un intervento in grado di cambiare profondamente il modo di rapportarci al cibo, stabilendo una relazione più sana con esso e offrendo il suo contributo in tutti quegli interventi terapeutici, di rieducazione alimentare, e di prevenzione, al fine di raggiungere un maggior livello di benessere fisico e mentale.

 

Lascia un commento

Scegli l'account con il quale vuoi firmare il commento

Benessere4u è un sito web dedicato al benessere psicofisico continuamente alimentato dalla professionalità e competenza di centinaia di psicologi e psicotepeuti professionisti sparsi in tutta italia. Trova lo specialista più adatto alle tue esigenze!

More in Alimentazione, In Primo Piano
L’arte della cura

L’atteggiamento di cura richiama, sempre e comunque, il concetto e il fine ultimo di salute e benessere, racconta qualcosa di...

Close