Trova il tuo Psicologo
       Psicoterapeuta B4U

B4U > Magazine > Ben-Essere > Cosa spinge le donne a cambiare il proprio corpo

Ben-Essere

Cosa spinge le donne a cambiare il proprio corpo

chirurgia estetica
Psicologo Psicoterapeuta
Aree di Competenza: Ansia e Depressione, Genitori e Figli, Sessualità
Cell.: 3396306112

Sta diventando argomento di attualità quello di ragionare sui motivi per i quali una donna e ora anche alcuni uomini siano catturati dall’idea di poter fare del proprio corpo ciò che il piccolo camaleonte fa per evitare pericoli e  per difendersi.

Il nostro corpo viene aggredito, a volte drasticamente, e l’intervento di “correzione” e/o di ringiovanimento e miglioramento non si limita purtroppo  al   trucco o ad un vestitino più grazioso del solito.
Ma da quali pericoli ci difendiamo? Che cosa ci fa paura?
Tante le ricerche e le indagini a riguardo, tante le risposte e le opinioni. Di recente ad esempio  è stato condotto un Focus Group “Express Yourself”  “che ha visto discutere a Milano donne di diverse età ed estrazione sociale sul tema della bellezza esteriore del volto e la valutazione dei trattamenti di chirurgia plastica e medicina estetica, come filler e botulino. Le ospiti del Focus Group sono tutte d’accordo che una donna bella non significa una donna senza rughe, ma nella valutazione personale le rughe non sono tutte uguali: alcune non deturpano ma ingentiliscono, umanizzano, mentre sono poco accettate quelle che invecchiano l’espressione come le naso-geniene ai lati della bocca e le glabellari al centro della fronte.”
Queste considerazioni e i risultati della intervista ci fanno riflettere.
E’ vero infatti che i messaggi che ci arrivano dall’esterno, dai media, dai giornali, dalle pubblicità, ci riportano invece verso un immaginario maschile. A questo riguardo è indicativo il documentario  di Lorella Zanardo “Il corpo delle donne”.
Donne giovani, donne anziane, donne belle, donne brutte.. ma chi sono, cosa vogliono, cosa sentono, sincere o meno, consapevoli o meno, di fatto  spesso non sono loro stesse, non sempre dimostrano di apprezzare il proprio corpo, ma piuttosto   sembrano voler leggere ed interpretare  i  desideri e le  richieste di un mondo esterno, catturate dai messaggi che arrivano dai media.
Questi messaggi tra l’altro esprimono un immaginario maschile e le donne, mediante l’omologazione agli stereotipi sociali, non fanno altro che soddisfare questi desideri, quelli maschili, non i propri, che forse neanche conoscono.
Perché? Cosa  spinge una donna a svalutare se stessa,  umiliare la propria  persona utilizzando la propria  immagine spesso modificata, corretta, quale biglietto da visita?
Cosa le porta invece a fugare l’espressione della propria  essenza, del diritto  di essere, di vivere e pensare con la propria faccia, con il proprio aspetto, con la propria persona?
I motivi che spingono le donne a modificare, correggere e cambiare il proprio corpo, sono sostanzialmente diversi se a modificare e correggere sono donne giovani, giovani adolescenti o invece signore mature.
Approfondendo la nostra analisi attraverso le dinamiche che sottendono questi “momenti” dello sviluppo del percorso di vita di una donna, potremmo affrontare questo tema di modifica e miglioramento del proprio corpo attraverso due categorie:

  • La ricerca della propria identità, nelle adolescenti o nelle donne più giovani
  • La negazione del tempo che passa (nelle donne mature).

Esaminiamo pertanto la prima tematica legata ai cambiamenti adolescenziali. E’ un momento di passaggio dal mondo dell’infanzia al mondo adulto in  cui i ragazzi cominciano   a rapportarsi con il mondo esterno.
I cambiamenti fisici sottopongono  il ragazzo/a adolescente a cominciare a rapportarsi con il mondo esterno e a doversi confrontare con una nuova immagine corporea che andrà a stimolare anche una percezione di una nuova immagine  di sé.
A fronte di questa prova, di questa messa in gioco c’è il riconoscimento di sé, come figura valida, accettabile, stimabile ed amabile.
E’ un momento delicato che necessità di certezze, sicurezze in quanto l’adolescente avrà bisogno di essere rassicurato e  di ricevere  conferme  psico/fisiche rispetto ad un ideale di sè in via di definizione. (considerata la propria metamorfosi fisica e psichica).
Maggiore è la “fragilità” con cui il ragazzo si affaccia al mondo esterno maggiore sarà la probabilità di essere rapito dai messaggi dei media, maggiore sarà la mortificazione dei propri desideri, l’incapacità di “sentire” ed “osservare” con orgoglio il proprio modo di essere e di apparire.
Ma quali sono i modelli esterni a cui rispondere?
Sono di solito i modelli forniti dal gruppo di amici, dai coetanei ma ancor più dai media, dalla pubblicità e non solo. Ormai molti spettacoli di intrattenimento televisivi sono ‘ricchi’ di stereotipi maschili, che rispondono ai desideri maschili e offrono una immagine femminile svilita, mortificata e priva di individualità e di spessore soggettivo. L’omologazione allo  stile e alla immagine femminile fornita dai media viene accolta maggiormente da quelle donne che  non riconoscono i propri desideri e si presentano incerte ed insicure rispetto alla propria ricchezza interiore.
Il “bisogno” di essere ri-conosciuti ed accettati dagli altri, per sentirsi ok, validi ed amabili li porta a perdere quell’equilibrio tra mente e corpo che è necessario per ri-conoscersi, equilibrio che passa attraverso la conoscenza e consapevolezza dei nostri desideri e che viene espresso dal nostro corpo e dal nostro modo di essere interno ed esterno.
Nelle situazioni più critiche, che attengono piuttosto alla psicopatologia,  si evidenzia  la tendenza ad idealizzare un modello di perfezione:  questo rappresenta il substrato per un  accanimento con interventi  estetici, che tra l’altro rischiano   di non essere mai soddisfacenti, di deludere comunque le attese di chi con tanta “sicurezza” si è sottoposto nella certezza di una soluzione al proprio disagio.
Ritroviamo spesso donne con disturbi di dismorfismo corporeo, preoccupate di avere un difetto fisico, spesso immaginario o pazienti borderline che richiedono invece rifacimenti dell’intero corpo o ancora  disturbi di tipo narcisistico ossessivo, pazienti cioè perennemente insoddisfatte dell’esito degli interventi richiesti in quanto le aspettative sono tendenti alla perfezione e quindi sono pressochè irrealistiche.
Cosa spinge invece le donne più mature a cambiare il proprio corpo?
Nelle donne anziane c’è da considerare che spesso queste sono spinte  a modificare il proprio corpo dalla negazione del tempo che passa. La rincorsa contro il tempo e l’invecchiamento rende difficile l’elaborazione della perdita della giovinezza e l’accettazione di non poter recuperare gli anni passati, la bellezza dell’età giovanile.
L’accettazione dei limiti del tempo che passa permetterebbe la ri-costruzione di una nuova immagine di sè attraverso una lettura ed una espressione dei desideri attuali. Nuove prospettive, nuovi interessi e nuovi ritmi.
Attraverso l’uso invasivo della chirurgia estetica il tentativo è invece di cancellare qualsiasi segno di passaggio del tempo, di annullare la propria identità e la propria storia, il proprio tempo, la propria persona. Non sapere crescere con noi stesse, non accettare di vivere serenamente  la nostra storia, percorrere la nostra strada attraverso il percorso che noi stesse costruiamo con tanta energia ed entusiasmo, vuol dire annullare e svalutare la nostra stessa esistenza.
La cura di noi stesse, quella quotidiana fino anche all’utilizzo di medicamenti e creme che mantengono la nostra pelle idratata e fresca non è certo qualcosa di preoccupante, anzi. Diversa è invece la condizione in cui alcune famose attrici si riducono, pur di non privarsi della loro bellezza. Risultati spesso catastrofici, rappresentazioni grottesche, volgari ed umilianti  di facce di gomma su corpi sorretti a malapena da due stampelle. Poverine. Corpi vuoti, sensazioni di vuoto, paura del nulla dietro la loro bellezza di plastica.
Per concludere ricordiamo Anna Magnani che  ci insegna, invece, come dobbiamo osservare noi stesse e la nostra età, il nostro tempo. La “bellezza”, la sicurezza e la dignità di essere donna, di essere attrice, di essere bella. Al suo truccatore imponeva di non toccarle alcuna delle sue rughe perchè ci aveva messo una vita per farsele.
BIBLIOGRAFIA

www.danielabenedetto.it
www.danielabenedetto.it/forum
La Stampa .it Galassiamente del 7.12.09  “La bellezza è un valore o un valore aggiunto?”
www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplrubriche/scienza/grubrica.asp?ID_blog=48&ID_articolo=166&ID_sezione=&sezione=
L’Italoeuropeo del 27.11.09 “I risultati del Focus Group “Express Yourself” dicono: una donna bella non significa una donna senza”
www.italoeuropeo.it/index.php?option=com_content&task=view&id=2299&Itemid=1

Medicina e chiurgia estetica  GOLD TV 3 dicembre 2009
http://www.danielabenedetto.it/la_voce_delle_donne.html
Lorella Zanardo, (2009) “Il corpo delle donne”

www.ilcorpodelledonne.net

Lascia un commento

Scegli l'account con il quale vuoi firmare il commento

Benessere4u è un sito web dedicato al benessere psicofisico continuamente alimentato dalla professionalità e competenza di centinaia di psicologi e psicotepeuti professionisti sparsi in tutta italia. Trova lo specialista più adatto alle tue esigenze!

Altro... Ben-Essere
intelligenza emotiva
Alla scoperta dell’intelligenza emotiva…

E’ un test d’intelligenza che può decretare il successo di una persona nel suo lavoro, nel suo settore di abilità?...

Chiudi