Trova il tuo Psicologo
       Psicoterapeuta B4U

B4U > Magazine > Genitori e Figli > Scuola > Bimbi a pane e acqua se i genitori non pagano la mensa

Scuola

Bimbi a pane e acqua se i genitori non pagano la mensa

Psicologo Psicoterapeuta
Aree di Competenza: Ansia e Depressione, Ben-essere, Genitori e Figli
Cell.: 3470571342

“Mamma e papà non pagano la retta ed io, a differenza dei miei compagni, a mensa mangio pane e acqua”.

Questo è quello che è successo a 9 bambini nella scuola materna ed elementare del Comune di Montecchio Maggiore, provincia di Vicenza.
A denunciare il caso sono Il Corriere Veneto e il Corriere della Sera. In tutto sono nove le famiglie morose, sette straniere e due italiane.
Il Comune, si trova di fronte a un ammanco di 150 mila euro per le rette arretrate e decide pertanto di sospendere il servizio per tutti coloro che non sono in regola con i pagamenti.

Detto fatto. Lo scorso 19 marzo 2010, il Comune, sul proprio sito scrive: «attualmente sono 99 famiglie che non hanno consegnato il modulo di iscrizione firmato. Potranno comunque provvedere entro lunedì 15 marzo 2010, dopo di che per gli inadempienti il servizio mensa sarà sospeso a partire dal lunedì successivo 22 marzo»

I nove bambini coinvolti nella vicenda, hanno mangiato qualcosa di piu’ grazie ai loro compagni che hanno diviso il pasto con loro: pasta alla zucca, hamburger, insalata e frutta.

L’iniziativa del Comune ha lasciato interdette le maestre e la preside della scuola materna ed elementare. «Trovo dispregiativo dare un pezzo di pane – commenta la preside Anna Maria Lucantoni – Se lo avessimo immaginato avremmo fatto una raccolta di fondi»
L’assessore all’Istruzione e alle politiche sociali della giunta di centrodestra Barbara Venturi dice: «Non è giusto non pagare le rette per rispetto di chi ha problemi economici e le versa». E poi oggi precisa: «Non era un tozzo di pane, ma panini imbottiti al prosciutto e al formaggio per quelli che non mangiano carne di maiale».

Il momento del mangiare rappresenta nella nostra cultura un vero e proprio rito.
La scuola, insieme alla famiglia è un’istituzione educativa e nello svolgere tale ruolo è particolarmente significativo il momento del pasto.

Il pasto a scuola è un momento rilevante nella quotidianeità dei bambini.
Frequenti sono i casi di bambini che scaricano la propria tensione per il “non essere con mamma e papà” nel momento di ingresso scuola e poi nuovamente durante l’ora del pasto.

Mangiando a mensa:
• si condivide un momento che và oltre i compiti
• ci si confronta
• si condivide uno spazio un tempo.

Cosa succede nelle mense scolastiche tutti i giorni?
Molto semplicemente, ogni bimbo si sceglie il suo posto… corre verso il posto proprio vicino al compagno… arriva il carrello ed il personale addetto che distribuisce il pasto.

Cosa sarà successo l’altro giorno nella scuola di Montecchio Maggiore?
Che alcuni bambini si sono visti arrivare un pasto diverso dagli altri, ma che soprattutto saranno scaturite le domande stimolate dalla sana ed evolutiva curiosità infantile: «perché tu mangi questo?»«Maestra, perché lei mangia questo? ».

Il rischio è che si sia così facilitata la creazione di etichette sociali e che questo possa andare a rinforzare comportamenti negativi verso colui che vive la difficoltà.

Bibliografia
Comune Di Montecchio Maggiore – Home
Corriere del Veneto: ultime notizie Veneto e nord-est
Corriere della Sera

Lascia un commento

Scegli l'account con il quale vuoi firmare il commento

Benessere4u è un sito web dedicato al benessere psicofisico continuamente alimentato dalla professionalità e competenza di centinaia di psicologi e psicotepeuti professionisti sparsi in tutta italia. Trova lo specialista più adatto alle tue esigenze!

Altro... Scuola
Bambini disattenti
Bambini disattenti: aiutare la famiglia e la scuola a gestire l’Attention Deficit Disorder

L’argomento di cui stiamo parlando La sindrome da deficit dell’attenzione con iperattività, conosciuta con l’acronimo ADHD (dall’inglese Attention  Deficit /Hyperactivity...

Chiudi