Trova il tuo Psicologo
       Psicoterapeuta B4U

B4U > Magazine > Ansia e Depressione > Attacchi di Panico > Soffrire di attacchi di panico: che fare?

Attacchi di Panico

Soffrire di attacchi di panico: che fare?

attacchi di panico
simone-fierro-psicologo-rieti Simone Fierro Rieti (RI)
Psicologo Psicoterapeuta
Aree di Competenza: Ansia e Depressione, Ben-essere, Genitori e Figli
Cell.: 3391887880

attacchi di panicoIn crescente diffusione nella società attuale il DAP (disturbo di attacco di panico) condiziona negativamente la qualità di vita della persona bloccata dall’istaurarsi della paura paralizzante.

La paura di per sé non è una malattia, ma un processo normale e fisiologico che ci aiuta a fuggire dai pericoli e a sopravvivere. La possiamo definire un allarme naturale che ci avverte di un pericolo e ci permette di evitarlo o di affrontarlo con maggior determinazione.

Nel DAP tutto questo avviene troppo spesso: una paura troppo intensa, troppo frequente, troppo sproporzionata rispetto alla situazione (ad
esempio entrare in un supermercato, al cinema, in sala riunioni, al ristorante, in auto, nave o aereo…) blocca e crea seri problemi alla persona rendendo difficile e doloroso il normale svolgimento delle proprie attività quotidiane.

Il panico è quindi un episodio di intensa paura ad esordio improvviso, intenso e di breve durata, un vero e proprio “attacco” che spesso rasenta il terrore, generalmente accompagnato da spiacevoli sensazioni corporee, difficoltà di ragionamento e sensazione di catastrofe imminente.

Il DAP si manifesta con uno stato d’ansia che cresce lentamente fino ad arrivare ad un picco, in cui è presente una condizione marcata di malessere fisico (difficoltà nel respiro, tachicardia, dolori al torace o senso di malessere, sensazioni di soffocamento, vertigini, sudorazione,
vampate di calore, tremore, sensazione di irrealtà, intorpidimento) e di pensieri catastrofici
di avere un attacco cardiaco, di sentirsi male, di svenire, di morire, di impazzire e di perdere il controllo.

La conseguenza di questi episodi produce solitamente due meccanismi importanti: il primo è l’ansia anticipatoria di avere un altro attacco, il secondo è la tendenza a cercare di controllare le situazioni evitandole.

Alla luce di tutto ciò, è importante sapere che dall’ansia e dagli attacchi di panico si può guarire con una buona psicoterapia, integrata qualora
fosse necessario con la farmacologia.

Il trattamento cognitivo-comportamentale, in particolare,  è una terapia di breve durata che prevede da una parte l’utilizzo di tecniche comportamentali efficaci da subito, quali: training di rilassamento, respirazione, biofeedback e desensibilizzazione; dall’altra un’intensa componente cognitiva intesa come identificazione delle cognizioni disfunzionali e la loro sostituzione con cognizioni adeguate oltre ad esercizi di esposizione finalizzati a favorire le modificazioni dei pensieri. Questa duplice componente permette di aumentare l’efficacia del trattamento e la stabilità dei risultati nel tempo, abbattendo così la vulnerabilità della persona ad una interpretazione catastrofica degli eventi.

Chiedere aiuto è molto importante per affrontare presto e riaolvere prontamente la situazione problematica.

Bibliografia:

Dayhoff S.A., Come vincere l’ansia sociale, Ed Erickson, Trento 2008.
Rachman S.,  L’ansia, Edizioni Laterza, Roma 2004.
Vincelli F., Meneghelli A., La terapia cognitivo-comportamentale nel disturbo di panico con agorafobia, Minerva Psichiatr 2002.

Wells A., Trattamento cognitivo dei disturbi d’ansia, Ed. McGraw-hill, 1997

Commenti

2 Resposte a “Soffrire di attacchi di panico: che fare?”
  1. Personalmente non ho mai sofferto di attacchi di panico, ma di crisi d’ansia e depressione per più di vent’anni. Grazie alla psicoterapia ad orientamento cognitivo-comportamentale e agli strumenti acquisiti sono riuscito a vincere questa terribile morsa. Proprio come avete citato nel post l’identificazione del pensiero disfunzionale è indispensabile per poter agire efficacemente contro la depressione e l’ansia in genere!

  2. anna gesmundo scrive:

    Carissimo dottore, il tuo articolo mi sembra interessante, in quanto rispecchia le problematiche reali dei soggetti affetti da DAP. Un’aspetto importante che io prenderei in considerazione è anche il DAP e la sessualità, che spesso non viene sufficientemente considerato!

Lascia un commento

Scegli l'account con il quale vuoi firmare il commento

Benessere4u è un sito web dedicato al benessere psicofisico continuamente alimentato dalla professionalità e competenza di centinaia di psicologi e psicotepeuti professionisti sparsi in tutta italia. Trova lo specialista più adatto alle tue esigenze!

Altro... Attacchi di Panico
Attacchi di panico
Panico, parliamone senza paura

La descrizione di un attacco di panico da parte di un paziente di ogni età, segue un modello costante: “Mi...

Chiudi